Nome Latino: Rupicapra rupicapra

Nomi volgare e dialettale: Camoscio

Foto del Mammifero - © Provincia di Cuneo

Clicca sul anteprime per ingrandire le foto

Clicca sul anteprime per ingrandire la fotoClicca sul anteprime per ingrandire la fotoClicca sul anteprime per ingrandire la fotoClicca sul anteprime per ingrandire la foto

Famiglia: bovidi

Ruolo ecologico: erbivoro dell'ambiente montano e sub-montano.

Habitat: gradisce tanto gli ambienti aperti (prateria alto-alpina) quanto le zone boscate. Nel periodo invernale ricerca le cd. "stazioni di rifugio" poco innevate: creste battute dal vento, pendii ripidi e soleggiati, zone boscate a media e bassa quota.

Dimensioni: nei maschi il peso è generalmente compreso tra i 32 e i 45 kg, nelle femmine tra i 22 e i 32 kg. L'altezza alla spalla nei soggetti adulti è di 70 - 80 cm.

Età massima: 20 anni per le femmine, 15-16 anni per i maschi.

Colore: il mantello estivo è da giallastro pallido a grigio rossastro, con arti più scuri, mascherina facciale brunastra fra occhio e labbro superiore. Da metà agosto iniziano a scurirsi le parti ventrali, poi la testa, il collo e le parti dorsali. Il mantello invernale, osservabile da ottobre in poi, è bruno o nero. Verso fine inverno inizia la muta con il mantello che cade a ciuffi.

Zampe: nel camoscio lo zoccolo é dotato di un tallone morbido, che favorisce l'aderenza su roccia; di un bordo duro che permette lo spostamento su versanti ripidi; di una membrana che, distendendosi a ponte fra i due unghioni divaricati, garantisce una maggior superficie portante in neve molle o fresca.

Corna: (detto trofeo) presenta due astucci cornei di forma tipicamente ad uncino, con differenze nei due sessi. Il colore é da bruno scuro a nero. Ogni anno il trofeo si allunga grazie alla produzione di nuovo tessuto corneo a partire dalla base degli astucci; detta produzione cessa in autunno per l'azione contrastante degli ormoni sessuali. L'arresto e la successiva ripresa della produzione di corno sono all'origine della comparsa di solchi (anelli di crescita) utilizzabili per determinare l'età nell'animale morto. La crescita del trofeo non é omogenea: si sviluppa soprattutto nel 2°e nel 3°anno di vita; in seguito le crescite diventano millimetriche.

Andatura: è un abile arrampicatore. La straordinaria agilità del camoscio sembra sfidare la forza di gravità. Il cucciolo, dopo qualche giorno dalla nascita, é in grado di seguire la madre lungo le creste strette o giù attraverso i ripidi declivi.

Comportamento: è specie sociale; il nucleo fondamentale è costituito dalla femmina con il piccolo che si accompagnano, frequentemente, con il giovane dell'anno precedente. Più nuclei possono aggregarsi a costituire gruppi anche consistenti. I maschi adulti tendono ad isolarsi, o a formare gruppi di età simile. Nel periodo degli amori tendono invece a riunirsi con le femmine.

Territorio ed Alimentazione: in primavera ed estate le femmine dei camosci vivono in gruppi anche numerosi, mentre i maschi sono isolati o in piccoli nuclei. Questi branchi sono instabili e in continuo rimaneggiamento: non s'individuano soggetti con funzione fissa di capobranco. In autunno (con l'avvicinamento della stagione degli amori), viene meno la separazione fra i sessi. In questa stagione, per poche settimane, alcuni maschi maturi marcano e difendono attivamente un territorio di pochi ettari, cercando di trattenervi le femmine. Altri maschi vagano alla ricerca di queste, compiendo anche spostamenti di alcuni km dai luoghi di abituale permanenza; in questa stagione è possibile osservare le spettacolari rincorse tra maschi per la difesa del territorio. Il camoscio rientra in una categoria intermedia fra brucatori (capriolo) e pascolatori (muflone); é un buongustaio capace, all'occasione, di accontentarsi e sfruttare al meglio anche le risorse meno appetibili (licheni, aghi di pino). In una giornata tipo si osservano da 2 a 3 periodi di alimentazione (vengono ingeriti ~2,5kg di vegetali), intervallati da lunghi periodi di ruminazione. In estate l'attività nutritiva continua durante la notte. In inverno, oltre a nutrirsi di quanto emerge dalla neve, il camoscio scava per accedere alla flora sottostante.

Biologia: periodo degli amori: inizio di novembre - metà di dicembre.

Gestazione: 24 - 25 settimane.

Parti: nel periodo maggio - primo di giugno, normalmente un solo capretto, eccezionalmente due.

Fatte: la forma, l'aggregazione e le dimensioni delle fatte variano molto, specie in rapporto alla dieta. Le fatte hanno genericamente forma di pallottola poco allungata (~10x8mm) e con fondello appiattito. Quando sono fresche hanno colore verde scuro e superficie esterna liscia e brillante.

Nemici naturali: può essere predato, soprattutto in periodo invernale, sia dal lupo che dalla lince (ove presenti); la predazione dell'aquila è numericamente trascurabile. La volpe può prelevare capretti neonati o dare il colpo di grazia ad animali spossati dall'inverno.

Osservazione: nel suo habitat è facilmente osservabile nelle prime ore della mattinata e in quelle serali. Nelle ore più calde della giornata tende a stare seduto, per cui la sua individuazione in mezzo a salti di roccia e/o cespugli risulta più difficile.

Un po' di esercizio, qualche fallimento e qualche brutta figura di fronte ad amici più esperti, porteranno l'osservatore ambizioso a riconoscere maschi e femmine adulti, yearlings (o "binelli") e i capretti. L'importante è provare ad osservare. I maschi adulti hanno sagoma tozza, collo corto e tozzo (effetto ottico: minor lunghezza del muso rispetto alle femmine), sulla linea dorsale hanno lunghi peli (la cd. "barba"), presentano il "pennello" ovvero un ciuffo di peli prepuziali visibile a partire dall'età di tre anni.

Le corna sono più robuste e di maggior diametro rispetto a quelle delle femmine (effetto ottico: le corna appaiono più ravvicinate alla base nei maschi e più distanti nelle femmine) e maggiormente uncinate (la punta del corno è rivolta in basso nel maschio e all'indietro nella femmina, ma ... attenzione: le eccezioni sono frequenti). Le femmine hanno sagoma più fine, collo sottile (effetto ottico: maggior lunghezza del muso rispetto ai maschi) corna di minor diametro. maggior sviluppo dell'addome.

Gli yearling sono i giovani al secondo anno di vita (es. se si osserva durante il mese di agosto 2002, gli animali nati a fine primavera del 2001 sono yearling o "binelli"), hanno taglia intermedia, torace poco profondo (effetto ottico: l'animale sembra avere arti molto lunghi), muso corto, corna generalmente di altezza uguale o inferiore delle orecchie.

I capretti sono i giovani dell'anno (se si osserva ad agosto 2002 sono gli animali nati a fine primavera 2002), hanno corna appena visibili (effetto ottico: orecchie molto lunghe), muso molto corto, hanno uno stretto legame con la madre.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni