Nome Latino: Mustela Erminea

Nomi volgare e dialettale: Ermellino

Foto del Mammifero - © Provincia di Cuneo

Clicca sul anteprime per ingrandire le foto nello spazio sopra

Clicca sul anteprime per ingrandire la fotoClicca sul anteprime per ingrandire la fotoClicca sul anteprime per ingrandire la fotoClicca sul anteprime per ingrandire la foto

Famiglia: Mustelidi

Habitat: L'ermellino è uno dei più piccoli mustelidi predatori, diffuso dalla pianura fino in alta montagna. Lo si trova comunemente tra i 1000 ed i 3000 metri di quota. Ad esempio, le foto presenti in questa scheda sono state scattate nel mese di novembre presso il rifugio Soria-Ellena, in val Gesso, a XX metri di altezza. Predilige i boschi radi, i bordi dei laghi e dei ruscelli, oltre che le praterie alpine; in alta quota lo si trova spesso nelle pietraie. E' diffuso in tutta l'Europa, ad eccezione delle regioni mediterranee, in Asia, in Groenlandia, in Canada e nel Nord degli Stati Uniti. Di recente è stato introdotto anche nella Nuova Zelanda.

Dimensioni: Gli ermellini sono caratterizzati da un accentuato dismorfismo sessuale, con il maschio notevolmente più grosso (doppio del peso) e lunghezza di almeno 5 cm. superiore rispetto alla femmina. Il corpo è magro ed allungato e di forma cilindrica. Le dimensioni del maschio sono: lunghezza 18-32 cm., coda 9-14 cm., peso 150-300 gr.

Colore: La pelliccia estiva dell'ermellino è color cannella sul dorso e biancastra sul ventre, mentre il mantello invernale è interamente bianco. Solo l'estremità della coda rimane nera per tutto l'anno. La pelliccia dell'ermellino nel manto invernale è anche straordinariamente spessa: ogni centrimetro quadrato racchiude fino a 20 mila peli!

Zampe: La zampa anteriore possiede 5 dita, provviste dei relativi cuscinetti, a cui si aggiunge una prominenza centrale, costituita da tre gibbosità collegate. Date le dimensioni considerevolemente diverse del maschio e della femmina, anche le impronte hanno grandezza diversa. L'anteriore è lunga circa 2 cm., larga 1,5 ed ha forma ovale. La posteriore ha una lunghezza di circa 3,5 cm., una larghezza di 1,3 cm., con forma più appuntita rispetto all'impronta anteriore, e l'orma che lascia è più stretta.

Andatura: L'ermellino avanza con l'andatura tipica dei mustelidi, con salti più o meno lunghi, poggiando le zampe posteriori sulle impronte delle anteriori e lasciando dietro di sè impronte doppie vicine ed accostate, oppure disposte leggermente di traverso.

Territorio ed Alimentazione: Ogni individuo ha un proprio territorio di caccia. Quello del maschio è da 3 a 4 volte superiore rispetto a quello della femmina. La tana è generalmente costituita da peli, erba secca e foglie raccolte all'interno di un buco nel suolo, nell'incavo di un tronco o in una fessura di un muro. La tana è utilizzata sia per crescere la prole, che per creare riserve di cibo.

L'ermellino ha dei riflessi folgoranti ed è in grado di cacciare prede di dimensioni superiori alla sua taglia. Avendo un metabolismo basale molto elevato, da due a tre volte quello degli altri mammiferi (rispetto al suo peso), consuma giornalmente la metà del proprio peso in nuove prede. Ha abitutidini sia diurne che notturne e caccia prevalentemente al suolo o sotto terra, pur essendo in grado di arrampicarsi sugli alberi.

Non si limita a ricercare la preda, quali uccelli o piccoli roditori, ma spesso accumula provviste, all'interno di cavità presenti al suolo. Tra le sue prede preferite sono i microroditori, quali i muridi e microtini. Quando si imbatte in un nido di uccello, rompe le uova di grosse dimensioni all'estremità e le penetra fino all'albume ed al tuorlo attraverso l'apertura praticata. In genere, i gusci danneggiati dagli animali da preda, quali gli ermellini, sono disposti in un unico punto o vicini l'uno all'altro.

Riproduzione: L'ermellino maschio è poligamo e tollera più femmine all'interno del proprio territorio. L'attività sessuale dell'ermellino è compresa tra i mesi di giugno-luglio e febbraio-marzo. Il maschio raggiunge la maturazione sessuale a partire dalla primavera seguente la nascita, mentre la femmina è feconda dopo due soli mesi di vita. La femmina ha una gestazione di 56 giorni oppure, di 8-9 mesi, con ovoimplatazione ritardata. Ad ogni parto nascono da 2 a 18 piccoli (8-9 in media), completamente privi di pelo e ciechi. Aprono gli occhi dopo 6 settimane e sono autonomi a partire dal terzo-quarto mese di vita.

Fatte: Gli escrementi dei mustelidi sono normalmente quasi neri. Una colorazione blu o rossa indica l'ingestione di frutti di bosco, una colorazione giallastra indica il consumo di uova. Le fatte dell'ermellino sono lunghe per lo più 3-4 centimetri e spesse non più di 1 cm.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni