Nome Latino: Artemisia genipi Weber

Nomi volgare e dialettale: Genepy maschio

Foto della Pianta - © Provincia di Cuneo

Descrizione: piante erbacee perenni, con base parzialmente lignificata. Nel complesso queste piante hanno aspetto sericeo-argenteo ed un forte odore aromatico.

  • genipi ha foglie inferiori con tre divisioni principali, trilobe.
  • glacialis le possiede peduncolate 5 divisioni, a loro volta trilobate.
  • genipi ha l'infioriscenza spesso reclinata, formata da capolini gialli disposti in spiga abbastanza densa.
  • glacialis ha capolini di color giallo brillante, disposti in un denso e breve racemo terminale.

Habitat: predilige luoghi rocciosi, rupi, morene e macereti da circa 2.000 a oltre 3.000 mt., sempre comunque su matrice silicea.

Principio Attivo: il p.a. si trova nelle sommitÓ fiorite che si raccolgono a inizio fioritura da luglio a settembre. Occorre reciderle a 5-10 cm. da terra evitando di danneggiare la pianta

ProprietÓ: L'amaro intenso e aromatico del Genepy ne fa un pregiato componente di liquori cui trasmette anche proprietÓ stomachiche, digestive e stimolanti. I fiori stimolano l'appetito favorendo la secrezione dei succhi gastrici e la digestione. Essendo balsamico ed espettorante, Ŕ un utile rimedio sintomatico per raffreddori e influenze.

Uso esterno: come cicatrizzante, probabilmente per le generiche proprietÓ disinfettanti degli oli essenziali che contiene.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni