Nome Latino: Gentiana kochiana Perr. et Song

Nomi volgare e dialettale: Genzianella

Foto della Pianta - © Provincia di Cuneo

Descrizione: pianta erbacea perenne con una rosetta di foglie basali da cui si origina il fusto - che porta un solo fiore campanulato - alto 5-10 cm.

Foglie: appressate al suols sono da oblunghe a lanceolate. Margine diviso in numerosi denti minuti.

Fiori: inserito singolarmente all'apice del corto fusticino, con la corolla di colore azzurro intenso con fauce pi¨ chiara e punteggiata di verde. Questa specie ha i denti calicini lanceolati, inferiormente con bordi paralleli.

Habitat: prati alpini e subalpini da 1.500 a 2.700 mt. su tutte le Alpi.

Principio Attivo: il p.a. Ŕ nella porzione aerea della pianta che viene raccolta al momento della fioritura, da maggio a luglio, recidendola al colletto.

ProprietÓ: Virt¨ e utilizzazioni pressochŔ identiche a quelle della Genziana maggiore, anche se leggermente piu blande. Variamente usata nel settore liquoristico la sua principale prerogativa Ŕ quella febbrifuga, particolarmente utile in caso di febbri intermittenti quando si verifica intolleranza al chinino.

I preparati bevibili della Genzianella sono molto amari, per cui si possono diluire qualora risultino soggettivamente troppo amari. In campo cosmetico I'infuso di Genzianella Ŕ tradizionalmente impiegato per schiarire I efelidi.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni