Nome Latino: Pinus Mugo Turro

Nomi volgare e dialettale: Mugo

Foto della Pianta - © Provincia di Cuneo

Descrizione: conifera sempreverde, ha solitamente forma di arbusto cespuglioso alto fino a 3 mt. In luoghi riparati pu˛ raggiungere portamento e dimensioni di un albero. La porzione basale dei fusti Ŕ quasi sempre sdraiata sul terreno.

Foglie: aghiformi, lunghe da 2 a 7 cm e riunite a due a due rametti cortissimi detti brachiblasti che le portano addensate verso la parte terminale.

Fiori: separati. Quelli maschili sono raggruppati in coni oblunghi situati nella parte inferiori dei rametti giovani. I fiori femminili sono riuniti in piccoli coni ovali inseriti isolati o a due a due all'apice degli stessi rametti.

Habitat: zona montana e zona alpina, da 1.200 a 2.700 mt.

Principio Attivo: il p.a. si trova nei rametti terminali che si raccolgono in primavera-estate, recidendo quelli dell'annata, riconoscibili per avere la corteccia verde e per non essere ancora significati.

ProprietÓ: Da esso si ricava un pregiato olio essenziale, il Mugolio. Le prerogative medicamentose sono anzitutto balsamiche, antinfiammatorie, espettoranti, fluidificanti della secrezione bronchiale, disinfettanti dell'albero respiratorio, sedative della tosse e degli eccessi di asma bronchiale. L'azione antisettica ed antinfiammatoria si estende anche all'apparato escretore urinario sul quale, tra l'altro, esercita un effetto diuretico.

Uso esterno: buon antisettico della cute e delle mucose della bocca e della gola mediante inalazioni.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni