Nome Latino: Primula Veris L.

Nomi volgare e dialettale: Primula (o Primavera)

Foto della Pianta - © Provincia di Cuneo

Descrizione: pianta perenne, con presenza sul rizoma di cicatrici delle foglie e dei fusti degli anni precedenti.

Foglie: disposte in rosetta, sono ovali con margine dentato e talvolta ondulato. Superficie bollosa nella pagina superiore e peloso in quella inferiore.

Fiori: riuniti all'apice dello scapo che sorge dalla rosetta di foglie. Il calice, fortemente peloso, Ŕ tubulare cosý come la corolla che si divide in cinque lobi di color giallo con una macchia rosso-aranciata alla base.

Habitat: zona montana, raramente scende pi¨ in basso.

Principio Attivo: il p.a si trova in radici, foglie e fiori. Le radici si raccolgono in autunno le foglie in primavera e i fiori ad aprile-maggio recidendoli alla base del calice.

ProprietÓ: I fiori hanno proprietÓ diuretiche, sedative, antispasmodiche utili per eccitazione nervosa, insonnia, palpitazioni e vertigini. Tradizionalmente, si bevono infusi di fiori per attenuare le balbuzie. Le radici, pi¨ ricche di p.a., hanno soprattutto prerogative tossifughe ed espettoranti utili durante le influenze.

Uso esterno: le radici calmano i dolori reumatici e della gotta, alleviano il gonfiore delle estremitÓ e fanno regredire le:contusioni. E' comunque pianta da non trattare con leggerezza: l'impiego domestico pi¨ appropriato Ŕ la tisana calmante con i fiori.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni