Nome Latino: Vinca minor L.

Nomi volgare e dialettale: Pervinca

Foto della Pianta - © Provincia di Cuneo

Descrizione: pianta erbacea perenne, con foglie sempreverdi. Rizoma strisciante da cui si originano due tipi di fusti: fertili con i fiori e sterili portanti le sole foglie.

Foglie: opposte a due a due, con corto picciolo, di forma ellittico-lanceolata, con margine intero. La superficie Ŕ glabra, lucida e verde scura sulla pagina superiore.

Fiori: inseriti singolarmente all'ascella delle foglie superiori. La corolla ha una lunga porzione tubolare, poi si apre alla fauce in cinque lobi subtriangolari. E' normalmente di colore azzurro, talvolta anche rosa o bianca.

Habitat: vive dalla zona mediterranea a quella alpina nei luoghi erbosi, nei boschi e lungo le siepi.

Principio Attivo: il p.a. si trova nella porzione aerea della pianta. Le foglie si raccolgono da giugno ad agosto, come la porzione aerea che va raccolta recidendo la pianta alla base.

ProprietÓ: Essa trova applicazione terapeutica nelle affezioni vascolari - tipiche dell'etÓ avanzata - che limitano l'afflusso di sangue al cervello. L'uso piu semplice ed appropriato resta quello di tisana utile agli ipertesi, cui il sapore amaro aggiunge valide proprietÓ stomachiche e digestive.

Uso esterno: le foglie hanno proprietÓ antinfiammatorie, utili nelle dermatosi, per foruncoli, eczemi, ecc... I suoi infusi, mediante bagni ed impacchi, hanno una discreta funzione cosmetica su pelli delicate ed irritabili.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni