Nome Latino: Clitopilus prunulus

Nomi Volgari: Prugnolo

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal greco 'klit¨s': pendio e 'pýleos': berretto, berretto inclinato. Dal latino 'prunum': prugna o 'prunus': la pianta delle prugne.

Lamelle: strette, decorrenti sul gambo, biancastre, tendenti al rosa a maturitÓ.

Gambo: da 2 a 4 cm., piuttosto corto ed irregolare, pieno, bianco, poi pruinoso e farcito.

Carne: bianca, molle, friabile e tenera, pi¨ fibrosa nel gambo con odore forte e caratteristico di farina fresca o pasta di pane; sapore gradevole.

Habitat: assai comune dall'estate all'autunno, in boschi di conifera e di latifoglia.

CommestibilitÓ: buon commestibile, di sapore delicato e carne molto tenera.

Osservazioni: il colore rosato delle lamelle dovrebbe essere un buon carattere distintivo; sono per˛ possibili confusioni con le Clitocybi bianche, che sono molto tossiche. Occorre, quindi, prestare la massima attenzione durante la raccolta di questa specie.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni