Nome Latino: Coprinus comatus

Nomi Volgari: Fungo dell'inchiostro - Coprino chiomato

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal greco 'k˛pros' : sterco, attinente lo sterco, per l'habitat ove cresce; dal latino 'comatus' : con la chioma, per i grossi fiocchi pelosi.

Lamelle: molto fitte, inizialmente bianche, poi a maturitÓ nere, fino a trasformarsi in un liquido simile all'inchiostro.

Gambo: lungo e slanciato da 10 a oltre 30 cm., facilmente separabile dal cappello, bianco, a maturitÓ vuoto all'interno. E' presente un anello membranoso minuto, bianco, che si annerisce a causa delle spore.

Carne: poco spessa, tenera nel cappello, fibrosa nel gambo, bianca con un odore forte, ma gradevole.

Habitat: cresce un po' ovunque vi siano terreni concimati, giardini, orti, prati, bordi delle strade, terreni incolti. Frequente in ogni stagione anche in gruppi di numerosi individui.

CommestibilitÓ: discreto commestibile, a patto che si utilizzino solo i cappelli di esemplari giovani, con lamelle ancora completamente bianche.

Osservazioni: unico Coprino commestibile, ma vista l'esiguitÓ della carne, se ne sconsiglia una prolungata cottura. Gli esemplari maturi non vanno utilizzati, perchŔ possono provocare disturbi gastrointestinali.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni