Nome Latino: Hydnum repandum

Nomi Volgari: Steccherino - Steccherino dorato - Spinet - Ponzin

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal greco 'h¨dnon': tartufo; dal latino 'repandum': ripiegato all'indietro, ripiegato all'ins¨.

Gambo: da 3 a 7 cm., spesso eccentrico, biancastro pallido, tozzo e piuttosto irregolare; ingiallisce alla manipolazione, diventa bruno-arancio alla base.

Carne: bianca, poi ingiallente, a volte giallo-arancio, consistente, sapore dolce o leggermente amarognolo, odore grato e marcato, pi¨ o meno fruttato.

Habitat: ubiquitario in boschi di latifoglia e conifera, dall'estate all'autunno, in gruppi di numerosi esemplari.

CommestibilitÓ: discreto commestibile che si presta alla conservazione. La preparazione richiede una cottura prolungata per via della carne, assai coriacea.

Osservazioni: per il suo caratteristico imenio ad aculei bianchi, Ŕ specie che non pu˛ essere scambiata con altre tossiche o non commestibili.

Imenio: ad aculei molto fitti, lunghi fino a mezzo centimetro, pallidi, biancastri, molto fragili e facilmente separabili, un po' decorrenti sul gambo.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni