Nome Latino: Grifola frondosa

Nomi Volgari: Griffone - Barbisin - Orion - Taloch - Levrot - Uluc

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal greco 'grifos' : rete di giunchi intrecciati, intrecciata e dal latino 'frondosus' : frondoso, con fronde.

Corpo Fruttifero: composto da un robusto tronco o gambo biancastro che si divide in numerose ramificazioni, portanti all'apice altrettanti cappelli a forma di spatola o di ventaglio, con orlo ondulato; nella parte superiore sono bruni o bruno grigiastri o grigiastri. La parte imeniale, inferiore, Ŕ composta da un tessuto a pori minuti biancastri o giallastri fino ad un rosa brunastro.

Carne: fragile, bianca, con un forte odore aromatico; sapore grato.

Habitat: cresce in autunno su ceppi od ai piedi dei tronchi di piante vive di castagno o di quercia. E' specie fedele alla sua stazione di crescita.

CommestibilitÓ: considerato un ottimo commestibile, si presta in modo particolare alla conservazione sott'olio.

Osservazioni: specie molto ricercata e raccolta in Piemonte. Pu˛ essere confusa soltanto con altre legnose e coriacee, che non provocano nessun tipo di intossicazione.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni