Nome Latino: Rozites caperatus

Nomi Volgari: Foliota grinzosa

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal nome del micologo francese E.Roze (1833-1900); dal latino 'caperatus': corrugato, con rughe, per il suo cappello grinzoso.

Lamelle: increspate, con il filo pi¨ pallido, beige, da giallastre fino a caffe-latte, pi¨ scure a maturitÓ.

Gambo: da 5 a 15 cm., cilindrico, dilatato verso la base, con tonalitÓ giallastre. Presenta un anello evidente e doppio.

Carne: poco abbondante, color beige chiaro, sapore grato, odore scarso.

Habitat: cresce sia in boschi di latifoglie che di abete rosso; nelle stazioni di crescita si presenta abbondante, sia in estate che in autunno.

CommestibilitÓ: buon commestibile, anche se Ŕ consigliabile consumarlo in un misto con altre specie, a causa del suo sapore piuttosto forte ed intenso.

Osservazioni: pu˛ essere confuso con alcune specie del genere Cortinarius, molto tossiche e pericolose. Inoltre, questo fungo si Ŕ rivelato come specie 'ipercaptante' di sostanze radioattive: se ne consiglia, pertanto, un consumo molto contenuto.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni