Nome Latino: Ramaria botrytis

Nomi Volgari: Ditola - Ditola rossa - Manine - Manette - Gaspuline

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: 'ramaria', attinente ai rami, per la sua forma a cespuglio. Dal greco 'b˛trus' : grappolo d'uva, attinente i grappoli d'uva.

Corpo Fruttifero: a forma coralloide o di cavolfiore, alto fino a 10 cm e largo fino a 12 cm., formato da un gambo robusto, pi¨ o meno bulboso e di colore biancastro, da cui partono numerosi rami, sempre biancastri, con la sommitÓ di color rosa-rossastro vinoso, a loro volta ancora suddivisi che conferiscono al fungo la tipica forma.

Imenio: indistinto, disposto sulla superficie liscia delle ramificazioni per circa la metÓ della loro altezza.

Carne: piuttosto compatta, ma fragile, bianca, leggermente rosata nei rami terminali. Odore gradevole e sapore dolce.

Habitat: cresce in estate ed autunno, in prevalenza in boschi di latifoglie, a gruppi o file, anche di numerosi individui.

Habitat: considerato buon commestibile, si presta alla conservazione sott'olio.

Osservazioni: purtroppo viene sovente confusa con specie simili che possono provocare disturbi gastro-intestinali. Si sconsiglia la raccolta se non si Ŕ assolutamente sicuri della sua determinazione.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni