Nome Latino: Suillus granulatus

Nomi Volgari: Pinarolo - Pinarelli - Boleto granuloso - Pisairin

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal latino 'granulum' : granulo, che porta dei granuli.

Tubuli: debolmente decorrenti, gialli, poi giallo-oro ed infine giallo-olivastri, che secernono goccioline giallastre, poi imbrunenti.

Gambo: da 4 a 10 cm., cilindrico, ricoperto di una granulazione molto minuta, di colore giallo, a volte lattiginosa, giallo-cromo, giallo-limone, a chiazze brunastre verso la base.

Carne: soda e compatta nei giovani esemplari, poi molliccia, biancastra con sfumature giallastre, immutabile, sapore dolciastro.

Habitat: specie comune e diffusa , strettamente legata ai pini a due aghi (P. sylvestris); dall'estate all'autunno inoltrato, in collina e montagna.

CommestibilitÓ: Ŕ da considerarsi un discreto commestibile, forse il migliore tra il gruppo dei boleti legati ai pini.

Osservazioni: Ŕ forse la specie pi¨ conosciuta e pi¨ comune dei 'pinaroli'; nel suo habitat di crescita Ŕ presente in grandi gruppi.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni