Nome Latino: Suillus grevillei

Nomi Volgari: Larcino

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal latino 'suillus': del maiale, porcino e dal nome del micologo inglese R.K.Greville (1794-1866).

Tubuli: gialli, poi giallo-brunastri. Pori piccoli, dello stesso colore dei tubuli, si colorano di bruno-rossastro alla compressione od alla manipolazione.

Gambo: largo fino a 2 cm., pi¨ lungo del diametro del cappello, slanciato, diritto. Dotato di un anello, pi¨ o meno evidente, che si forma con i resti del velo e che copre i tubuli negli esemplari giovani. Stesso colore del cappello.

Carne: dapprima soda, poi molle ed acquosa nel cappello, fibrosa nel gambo. Di colore giallino, odore gradevole, sapore grato o debolmente acidulo.

Habitat: solitamente in gruppi numerosi, nei boschi di larice. Molto comune e diffuso, dall'inizio estate all'autunno.

CommestibilitÓ: di scarso pregio per la sua vischiositÓ che sovente ingloba gli aghi di larice.

Osservazioni: specie molto comune, presente ovunque ci sia almeno un larice. Per la sua utilizzazione Ŕ consigliabile asportare la cuticola del cappello perchŔ troppo vischiosa ed indigesta.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni