Nome Latino: Amanita pantherina

Nomi Volgari: Tignosa bruna

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal latino 'pantherinus' : attinente le pantere, per l'aspetto maculato del cappello.

Lamelle: bianche, fragili, fitte.

Gambo: da 5 a 15 cm., bianco, liscio, base bulbosa arrotondata, duro e fibroso. Anello bianco, membranoso ed evanescente, tipicamente basso sul gambo. Volva bianca, circellata e dissociata in due o tre anelli.

Carne: bianca, poco consistente, fibrosa nel gambo, odore nullo, sapore grato.

Habitat: cresce in boschi di conifera e di latifoglia in estate ed autunno. E' specie abbastanza comune, ma non diffusa.

CommestibilitÓ: specie velenosa, la sua tossicitÓ e senz'altro superiore a quella della Amanita muscaria, per una concentrazione pi¨ elevata di tossine.

Osservazioni: fungo pericoloso anche se raramente mortale, Ŕ facilmente riconoscibile per il suo colore marroncino e le sue verruche candide. La raccolta delle specie del genere Amanita va lasciata a persone esperte in micologia.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni