Nome Latino: Boletus purpureus

Nomi Volgari: Porcino malefico - BolŔ frŔ - FrŔ

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal latino purpureus, purpureo, per il colore.

Tubuli: giallastri, poi giallo-verdastri poi rosso-carminio, rosso-sangue; al tocco si macchiano rapidamente di blu inchiostro o di nerastro.

Gambo: da 5 a 15 cm., sodo e carnoso, massiccio, dilatato alla base, giallo-cromo all'apice, altrove rosso scuro, ricoperto da un reticolo fitto di colore rosso. Alla manipolazione, diventa bluastro.

Carne: soda e compatta, di un bel giallo vivo, rossastra alla base del gambo, vira istantaneamente ad un intenso colore bluastro; odore gradevole.

Habitat: dall'estate all'autunno, in boschi di latifoglia, predilige il castagno, il faggio e le querce. Piuttosto frequente e comune in provincia di Cuneo.

CommestibilitÓ: fungo tossico, meno pericoloso del Boletus satanas; pu˛ provocare disturbi gastro-intestinali, specie se consumato crudo.

Osservazioni: il gruppo del purpureus Ŕ composto da almeno una decina di specie e varietÓ diverse, tutte molto simili ed altrettanto tossiche. Per evitare di incorrere in errori si consiglia di non consumare boleti che presentano pori e tubuli di colore rossastro.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni