Nome Latino: Cortinarius orellanus

Nomi Volgari: Cortinario orellano

Foto del Fungo - © Provincia di Cuneo

Etimologia: dal latino cortina, frangia, cortina, attinente le cortine. Dal greco ˛ros, monte, attinente le montagne.

Lamelle: poco fitte, spesse, dapprima giallastre, poi giallo-fulvo ed infine fulvo-ocracee, rossiccio-rugginose per il colore delle spore.

Gambo: da 4 a 8 cm., piuttosto slanciato, cilindrico, attenuato alla base, pieno, sodo, giallognolo, giallo-rossiccio con cortina fugace.

Carne: compatta, soda, ocracea, immutabile al taglio, sapore acidulo, odore rafanoide simile a quello di rapa.

Habitat: predilige i boschi di latifoglia, in particolare castagno e faggio. Dall'estate all'autunno, abbastanza frequente nel cuneese.

CommestibilitÓ: fungo molto pericoloso, mortale. L'intossicazione ha una lunga incubazione, che si manifesta anche dopo molti giorni dall'ingestione.

Osservazioni: il Cortinarius orellanus fa parte di un gruppo di numerose specie tutte molto simili e tutte molto tossiche. Lo scambio con quelle commestibili Ŕ, nelle nostre zone, molto raro, poichŔ non viene consumato nessun altro tipo di fungo a lui rassomigliante.

© Provincia di Cuneo 1999 - 2009 | Clausola Esclusione Responsabilità | Credits e Segnalazioni